Il ritorno alle idee

A volte le idee conquistano il vostro fisico di fiducia…

Ovvero quella volta che il fisico tra le nuvole ha incontrato l’associazione Eidos.

Questa che state per leggere è l’intervista ad una promettente associazione che in occasione di Sharper (la notte dei ricercatori dell’Aquila) ha deciso di riportarci al futuro… Sì, avete capito bene, e sì, c’entra proprio la celebre trilogia – “Ritorno al futuro” – Si tratta davvero di un evento divulgativo che prende spunto dalla trilogia che trent’anni fa cercava di immaginare il futuro per raccontarci la scienza del 2015 e quella che potrebbe diventare tra 30 anni.

Insomma, stavo là, spulciando i tanti eventi legati alla notte dei ricercatori e scorgo un titolo:

SHARPER – BACK TO THE FUTURE: IMMAGINA IL FUTURO –

surprise_omg

Sbaaam! Chi? Dove? Quando?

Dovevo sapere…

Nel 1985 uscì nelle sale cinematografiche ka seconda parte della trilogia “Ritorno al Futuro” di Robert Zemeckis. Il film è ambientato 30 anni avanti nel tempo, in quel lontano futuro che allora era il 2015 e in cui appaiono per la prima volta: videoconferenze, lettori di impronte digitali, biocombustibili, skateboard levitanti e cliniche di ringiovanimento.

Cosa esiste di quel futuro?…

…Due attori impersonano i protagonisti del film, Doc e Marty, lo introdurranno e, trovandosi spaesati in un mondo che non riconoscono, ellieteranno la conferenza con dei piccoli sketch. La proiezione di alcune scene del film farà da spunto per introdurre i veri temi della conferenza…”

prendete i soldi

Non ancora però! Stavolta l’articolo non lo trovate qui. Stavolta l’articolo completo lo trovate su Gravità Zero per cui ho incontrato Eidos.

Ci leggiamo la prossima puntata!

marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *