Giorno #6

?? marzo 2015 – Giorno #6 (?!) 

Uelaaaa! Carissimi! Va’ che belli che siete! Si è vista neve dalle vostre parti?! Qui sì, ma non tantissima, solo quella che serviva a trattenermi a casa nei giorni dedicati alla tesi. Eeeeh già! Tranquilli, non disperate, ho sempre qualche cosa pronto per voi! Dopo le lotte con le liste della spesa, dopo le avventure con il saldatore, dopo tante cose scientificose Oggi… Vi porto a fare un giro. Gruppo vacanze tra le nuvoleeee!! Ci siete tuttiiii?! Si parteeee!

meme divertito

Domande a bruciapelo. Come vi immaginate un laboratorio?!

Io, nella mia testa tra le nuvole, l’ho sempre immaginato come un posto misterioso, pieno di cose strane, in cui avvengono le più incredibili fantasticherie. Già… Credo anche di sapere di chi è la colpa se ho in testa questo tipo di immagine: cartoni animati! Ovvero l’origine e la causa di tutti i mali della mia generazione. Se siamo violenti è colpa di Ken (qui magistralmente riassunto in 8 minuti di spoiler) e dei videogiochi violenti (qui in tutto il loro splendore); se diventiamo scienziati, magari pazzi, è matematicamente colpa del Laboratorio di Dexter (il jingle by Cristina D’Avena era spettacolare) o dello sgangherato doc Doofenshmirtz (che per capirsi viene regolarmente sconfitto da… un ornitorinco!) o, che ne so, di una lunga lista di scienziati animati tipo Dottor Doom o Mr Fantastic.

Ognuno di questi personaggi ha trasformato i laboratori in luoghi avventurosi, creativi e follemente divertenti. Tra alambicchi, robottoni, raggi restringenti e supercose basta avere un’idea e in qualche modo diverrà realtà. In un laboratorio animato tutto è possibile! In un certo laboratorio si possono persino trovare una coppia, ma una coppiaaaa… Onore a voi, prodi precursori dei piani di conquista globale!

mignolo

Voi che innalzate la nobile categoria degli animali da laboratorio sarete sempre il faro che illumina la via di ogni supercattivo… Muahahahah!

Nella realtà?! Beh, tornando alla realtà, un laboratorio è un luogo di lavoro come altri e come ogni luogo di lavoro la differenza la fa il modo in cui lo si vive… Io?! Io ho ancora in mente l’immagine che mi hanno trasmesso i cartoni: per me è un luogo in cui tutto è possibile, in cui parole come “Non ce la faccio” – ” Non ci riesco” hanno poco significato. Se non riesco, devo solo impegnarmi di più! Ogni cosa con cui mi confronto è una sfida e mettendomi alla prova amplio i miei orizzonti…

Insomma, questo è come lo vivo, ma com’è fatto ‘sto benedetto laboratorio?! Il nostro è una cosa tipo…

laboratorio

Ovvero: un casino! Vi sfido! Trovate: un pandoro con le gocce di cioccolato (perfetta immagine della convivialità del luogo), un lavandino, il saldatore e un prototipo del mio lavoro di tesi. C’è tutto, anzi, c’è anche molto altro, ma immagino dovrete credermi sulla parola. Muahahahah. Lo so, magari vi aspettavate macchine superficose con tante lucine o braccia meccaniche che spostano cose… Mi dispiace, niente del genere.

Il nostro laboratorio è composto da questa e un’altra stanza troppo incasinata per poterla fotografare: scrivanie, pc, attrezzature e attrezzi elettronici in ordine sparso e… stop! Ad essere pignoli c’è anche un grande assente, ovvero lo strumento Re del laboratorio: una macchina che misura particolari componenti chimici completamente sviluppata tra queste mura (se siete curiosi qui trovate un po’ di informazioni sul LIF). Con il Re a fare misure in giro per il mondo, visto che in questi giorni il laboratorio ha acquisito un nuovo abitante e che verrà gente in visita, il grande capo ha deciso di fare ordine…

Lab1

Avete capito bene: ordineeee!! Come potrete certamente notare il panettone è sparito (ooops…) e in fondo abbiamo ricavato uno splendido “angolo cottura” in cui fare tutte le nostre attività da scienziati pazzi lontano dalle aree studio in primo piano!

Angolo cottura

Con tutto questo pulire, riordinare, spostare, nella stanza che prima era impresentabile (ora è così), ci è uscita una postazione completamente dedicata al mio progetto di tesi…

Postazione drone

Bella vero?! Insomma, nonostante la neve questa settimana non è stata completamente sprecata e ci ho anche guadagnato una postazione di lavoro! Ora la vera domanda è: per quanto rimarrà tutto così bello ordinato!? Per scoprirlo, come minimo, toccherà che…

Ci leggiamo la prossima puntata!

marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *