Giorno #36

26 Luglio 2016 – Giorno #36 – La conclusione di un viaggio.

Per questo giorno #36 ci vorrebbe qualche cosa di unico, di sfizioso

mumble

Mmm… Ci vuole un’idea ideosa…

Vediamo un po’. Dunque, potrei raccontarvi di quella volta che ho sconfitto un gigantesco pesce rosso; o di quando ho conquistato un castello di cioccolato in sella ad un cavallo di caramelle. Oppure potrei… No, meglio di no; meglio continuare con il racconto di sempre…

Zan zan zaaan!

È il momento! Posso dirlo. Questa settimana ho concluso i lavori sulla strumentazione. V, la mia guida sherpa ed io abbiamo convenuto di aver raggiunto il miglior risultato possibile con le risorse a disposizione. Per questa fase lo strumento va più che bene! Poi, chi vivrà vedrà.

Stavolta è fatta davvero eh! Eppure io sento sempre il peso del mio bagaglio di ansie: penso che avrei potuto fare di più, che non è abbastanza buono, che…

sad

Uff però… 

Per fortuna anche questa settimana c’è stato V (che sta per “Vai che va bene!”). Sua l’ultima parola:

Va bene così! È il meglio che puoi fare!

feel like a hero

 Si possono chiudere i lavori!

La parte pratica del mio lavoro di tesi, dopo mille mila mesi, ha finalmente trovato conclusione. Punto. Ora non resta che ottenere dati da inserire nell’elaborato, ma per farlo prima è necessario preparare i sensori ottenendo le informazioni necessarie per trasformare correttamente le tensioni misurate nei parametri fisici o chimici di interesse.

Per i sensori che misurano le concentrazioni chimiche queste informazioni si ricavano conoscendo la loro risposta all’assenza di inquinanti: si identifica quindi la tensione cui corrisponde il valore “zero” di concentrazione. Operativamente si inseriscono i sensori in un ambiente con aria controllata e libera da inquinanti, le cosiddette camere di calibrazione; degli oggetti tipooo…

Strumentazione per aria di zero - giorno #36

Sì, lo so che questa sembra un contenitore per torte, ma che ci volete fare… il convento è quello. La procedura è piuttosto semplice ed in realtà l’avevo già eseguita tempo fa senza ottenere però risultati significativi. Questa volta invece dovrò delegare alla mia guida sherpa perché alcune componenti della camera arrivano solo la settimana prossima ma io non sarò all’Aquila. Indi preparo tutto e chiudo.

Chiudo,

chiudo,

chiudo.

Già…

mmmm

Non posso davvero fare altro per questo strumento.

[Scene di giubilo incontenibile]

Con questa settimana finisce anche il mio tempo di permanenza all’Aquila. Nonostante qualche conto da saldare, per il momento la mia storia aquilana è davvero al termine: a settembre non si torna più per restare, ma solo per toccate e fuga. Per quanto riguarda l’Agosto alle porte… Non sono sicuro se io e il blog andremo in pausa, l’unica certezza è che…

Ci leggiamo la prossima puntata!

marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *