Giorno #34

15 Luglio 2016 – Giorno #34 – Storia di come è andata una volta.

Oggi voglio raccontarvi di quella volta, proprio quella, in cui ho fatto cose. Non è un modo di dire eh, ho proprio fatto cose!! Fortuna che il giorno #34 viene una volta l’anno. Ah, che fatica!

meme poker face fisico tra le nuvole

Eh…

Ricordate che qualche giorno fa vi ho raccontato di aver ricevuto ordine di ricostruire da zero il circuito elettronico? Beh, eccoci qua. Ho iniziato i lavori tra lunedì e martedì ed in un attimo la settimana è stata completamente risucchiata da questa attività.

A che serve una vita quando hai un progetto di tesi?!

Ho cominciato a ripensare il circuito. Vuoto. Nessuna idea su come rifarlo. Ci penso ancora un po’, con il professore definiamo alcune linee guida. Resto dell’idea che non ho un’idea. A questo punto faccio la cosa che meglio ho imparato durante questa tesi: apro la finestra e urlo.

Aiutoooo!

Mi viene prontamente in soccorso uno dei tecnici; lo chiameremo amichevolmente “V” aka “Vedi di fare ordine che non si capisce niente” per salvaguardarne l’identità. Mi dà qualche dritta preziosa ed insieme ridefiniamo le caratteristiche di tutto il circuito.

meme entusiasta fisico tra le nuvole

Wow! Bellissimo! 

~ Io che mi faccio un gran viaggio mentale su come sarà il circuito prima di costruirlo ~

In effetti, secondo le sue indicazioni, il nuovo circuito è più semplice da costruire ed il tutto risulterà decisamente più affidabile. Quasi fantascienza visto come è andata fin’ora… Misure precise?! Segnali puliti!? Tsè, un sogno!

V mi consiglia di disporre i sensori quanto più vicini possibili al punto da cui viene prelevato il segnale, che tutto sia saldato al proprio posto e, soprattutto, che i collegamenti tra circuito ed elettronica di controllo siano fatti per mezzo di connettori così da garantire la massima stabilità possibile.

Connettore giorno #34

Connettore femmina del tipo usato per i collegamenti

Connettore maschio

Connettore maschio del tipo montato sul circuito

Provo a fare come mi ha detto. Vado lento: ogni tre per due chiedo se può andare bene quello che fatto, ogni quattro per otto scoppia un quarantotto, ogni tanto faccio pausa e in qualche modo vado avanti. Ci metto un po’, sempre marcato stretto da “V”, ma arrivo alle battute finali.

Giovedì sera è, più o meno, tutto pronto: i sensori sono quasi tutti al loro posto, mancano solo quelli con i collegamenti più complicati per cui mi servono anche le due mani di “V” (o meglio a lui servono le mie di supporto) e poi bisogna preparare gli estremi dei cavetti che vanno connessi ad Arduino.

G34_Circuito finale

Non è bellissimerrimo?!

Venerdì mattina si lavora di gran carriera e finiamo; ormai non rimane più niente da fare. Possiamo provare. Bene, facciamolo. Proviamo. Deve funzionare!

Le verifiche sull’elettronica durante il montaggio hanno dato sempre riscontri positivi: le tensioni misurate erano stabili, nessun segnale sospetto… Deve funzionare! Fiducia massima nel genere elettronico. Questi test saranno una formalità. Alimento il tutto e… Schifo!

meme fuori di testa

Ma che è sta roba?!

V che ti devo dire?! Ommiosantocielostellato, ma perché ora i dati fanno schifo esattamente come prima?! Boooh! Posso garantirvi che nelle 2 ore successive abbiamo pensato a qualsiasi possibile causa di malfunzionamento. Poi d’improvviso V ha un’intuizione:

Vuoi vedere che… Dai sì, proviamo a montarci ‘sto componente, sicuro va!

Sono perplesso, ma lo seguo come se stessi seguendo una mia intuizione. Perplesso, ma si va! Ora, quello che segue per me è pura magia. Salda un resistore aggiuntivo in corrispondenza del sensore che più dava problemi, collega l’alimentazione e… Booom! Funziona tutto! Così, al volo, di venerdì pomeriggio.

meme grasse risate

V cerca di spiegarmi cosa ha fatto, perché e qual è il risultato. Io come al solito mi sento ignorante. Boh, chissà se prima o poi mi passerà… Per ora… Spettacolo ‘sta settimana! La prossima sicuro ci capirò di più!

Basta, non si tocca più niente, è tardi. Ci vediamo lunedì che finiamo.

V se ne va, io sto lì inebetito come se avessi assistito ad un miracolo. Mi restano solo mezze speranze di riuscire a vedere un finale di stagione soddisfacente. Lo sento, ormai ci sono! Però per adesso finiamola qua…

Ci leggiamo la prossima puntata!

Piacilo e Condividilo
Tags

Post simili

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *