Giorno #30

17 maggio – Giorno #30 – Grandi passi in avanti

Bentornati cari lettori della domenica. Oggi voglio raccontarvi di un giorno #30 intenso e ricco di lavoretti pratici, ma anche frustrante e inconcludente. Da una parte le cose iniziano a muoversi come dovrebbero dall’altra c’è sempre la sensazione dominante che lavoriamo lavoriamo ma siamo sempre fermi allo stesso punto.

meme poker face fisico tra le nuvole

Si iniziano ad intravedere le tanto attese fasi finali di questo progetto eppure ci sono sempre da fare modifiche dove già dovrebbe essere tutto consolidato. Però anche questo fa parte del gioco della scienza; non resta che giocare.

Primo round. E’ arrivata la batteria che dovrebbe alimentare la strumentazione, ma non ha lo spinotto giusto per alimentare Ardy: si prende il saldatore e si va a conquistare cavetti come non ci fosse un domani. Daje.

meme soddisfatto fisico tra le nuvole

E’ passato un bel po’ di tempo dall’ultima volta che ho lavorato con il saldatore, ma per fortuna certe gioie non si dimenticano. Una volta che ti hanno provocato dolore alcune attività entrano a far parte del tuo DNA, è la natura. Forte dei tanti bruciacchiamenti passati vinco rapidamente il primo round:

Giorno #30 cavetto

Icona lenteCavetto di alimentazione costruito ad hoc. Un mammut (al centro) è un elemento utilizzato per creare collegamenti tra cavi diversi senza dover saldare. A destra si trova il cavetto con l’estremità per alimentare arduino. A sinistra tre cavetti le cui estremità libere sono saldate insieme mentre le altre estremità hanno attacchi per tipi diversi di batteria (ci piace essere preparati ad ogni evenienza).

Seconda operazione. Si torna a modificare la struttura. Esatto sì! Proprio quella che vi ho mostrato almeno due milioni di volte. Esattamente quella che avevo dato per completa ormai secoli fa. Oggi lei ha richiesto una nuova modifica! Mannaggia. Così, da un momento all’altro, scopro di dover aggiungere degli agganci per montare la strumentazione anche in orizzontale sotto il drone.

Officina time!

lol

Per prima cosa scanaliamo leggermente la piastra che si trova a metà della struttura per creare un alloggiamento per il nuovo supporto.

Giorno #30 placca

Dopo di che foriamo la stessa piastra con gli agganci: basta un passaggio sotto al trapano a colonna per quattro fori…

Giorno #30 lavorazione

Cotto e mangiato.

Giorno #30 montaggio

Terza operazione. Ora non resta che verificare che l’alimentazione della strumentazione sia corretta e quale sia l’autonomia di misura per ogni carica.

Questi sono i test che mi piacciono, questo è il lavoro del futuro: monto tutto, attacco la batteria al cavetto, alimento Arduino con la suddetta batteria, aspetto. Anzi, mi siedo e aspetto che passi il tempo. Stupendo. Il rest dura il tempo che deve durare e tu puoi fare altro…

rainbow

Come per esempio andare a vomitare arcobaleni.

Una volta individuata la durata della batteria e finito il vomitamento di arcobaleni posso anche dichiararmi soddisfatto. Anche se non lo fossi comunque la giornata è finita… Muahahahah

(s)conclusioni. Sembrava impossibile ma anche questa volta lo strumento è stato portato in salvo. A parte questo, la settimana è proceduta tranquilla, niente di particolare da segnalare, anzi no… Vediamo… Come metterla? Semplicemente è successo che con le nuove batterie è arrivato anche il caricatore, normale direte voi, se c’è una batteria ricaricabile ci sarà anche un caricatore per ricaricarla… Beh, come darvi torto, peccato che dopo il test di cui sopra ho rimesso in carica la batteria e… Niente, non si carica.

so lame

Basta, arrivato al giorno #30 non ho davvero più la forza di prendermela per ste cose. Addio.

Ci leggiamo la prossima puntata…


COSE BELLE CHE FANNO VOMITARE ARCOBALENI

  • Coppia che crea splendidi set di lego (Sito internet)
  • Ben Harper che aiuta sempre nei momenti difficili (Youtube)
  • Un robot che si fa un goccetto fa sempre ridere (Link)
  • Ipnosi (Link)
marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *