Anidride carbonica

Che cos’è l’anidride carbonica? Ve lo racconto, come sempre, con l’aiuto della mia nonnina!

Dunque, iniziamo affidandoci alla cara Treccani:

Gas incolore e inodore, CO2 (detto anche biossido o diossido di carbonio), più pesante dell’aria (densità 1,527 rispetto all’aria), facilmente liquefacibile, solubile in acqua, in alcol ecc. È il principale prodotto della combustione del carbone, degli idrocarburi e in generale delle sostanze organiche. […] Si trova libera in natura (emanazioni vulcaniche, Grotta del cane di Pozzuoli, aria atmosferica, di cui costituisce lo 0,03% in volume ecc.), disciolta nelle acque e combinata (carbonati di calcio, di magnesio ecc.). Si sviluppa nei processi di fermentazione delle sostanze organiche. […]

Chissà, la mia nonnina che direbbe…

Oh nini, l’anicosa carbocosa è quella che frizza quando apri la prima volta l’acqua gasata! E’ il gase che esce.

Brava la mia nonnina. Ci hai preso in pieno! Le bollicine dell’acqua frizzante sono proprio fatte di anidride carbonica. Non è così strano che la si possa bere, basti pensare che anche noi produciamo anidride carbonica attraverso i processi biochimici nei nostri tessuti. Una frazione di questa produzione viene disciolta e combinata con il sangue mentre il resto viene espulso con la respirazione. Insomma è un gas piuttosto importante per la vita, ma è anche il più famoso tra i gas serra nonché uno dei più efficienti attori del riscaldamento globale.

Piaciuto questo trafiletto? Che aspetti ad iscriverti? Riceverai i miei articoli direttamente nella tua casella di posta. ► Newsletter

marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *